GRATIS VERSAND ab 150 CHF

Merano città del vino - Dove Sissi e Bacco vanno a braccetto

Sauvignon "Marzan" 2019
Sauvignon "Marzan" 2019 Castello di Plars
0.75 l
€ 14,25
1

Città termale di fama asburgica, punto d’incontro tra alpino e mediterraneo, una perla dello Stile Liberty con un festival del vino famoso in tutta Europa e molto altro ancora. Merano è forse la città più popolare e più visitata dell'Alto Adige: il suo fascino inimitabile tra il pittoresco e il sofisticato rende la città semplicemente irresistibile, ma anche i dintorni, intervallati da dolci colline, accompagnate dall'impressionante scenario montano del Gruppo di Tessa sullo sfondo, meritano sempre una gita. Vi invitiamo a un’escursione enologica alla scoperta di questa zona incantevole!

 

Il vino Meranese: una classe a parte

Ben il 98% dei vini altoatesini portano la denominazione d'origine DOC e si distinguono quindi come vini di qualità, in quanto nessun’altra regione d’Italia può vantare una tale densità di vini eccellenti! Oltre alla denominazione "Alto Adige" DOC, ci sono altre 6 sottozone DOC: Valle Isarco, Santa Maddalena, Terlano, Val Venosta, Colli di Bolzano e naturalmente Meranese.

I vini con la denominazione "Alto Adige Meranese" DOC sono coltivati esclusivamente intorno a Merano e vengono prodotti utilizzando principalmente il vitigno autoctono Schiava. Oggigiorno, oltre all'uva Schiava, nel vigneto sono ammesse anche altre varietà di vino rosso che possono essere utilizzate in piccole quantità nel vino. Dei circa 400 ettari di vigneti a Merano e dintorni, all’incirca 100 ettari sono designati "Alto Adige Meranese".

 

L'intramontabile

Se vuoi vivere un'esperienza di vino meranese come si deve, il posto migliore per iniziare il tuo viaggio è nel cuore della zona vinicola: la Cantina Merano con il suo Schiava "Schickenburg" della linea Graf. Schietto e di facile beva, il vino autoctono spicca per sentori di ciliegia e mandorla e un palato equilibrato, fruttato e fresco. È ottimo con i piatti sostanziosi della classica cucina casereccia altoatesina come gli Schlutzer, mezzelune con ripieno di spinaci e ricotta o i canederli. Servito con un po’ di formaggio di malga, delle sottili fette di speck e qualche cetriolino sottaceto, vi sentirete a casa come se steste degustando una tradizionale Marende altoatesina lungo l’Alta Via di Merano!

 

L’anticonvenzionale

Per coloro che hanno già abbastanza familiarità con lo Schiava Meranese, suggeriamo un'escursione a Cermes per visitare la Tenuta Oberstein. L’azienda si trova direttamente sulla linea insubrica, il punto d'incontro delle placche continentali africana ed euroasiatica, motivo per cui il suolo del vigneto è eccezionalmente ricco di minerali. Questo fondamento geologico unico trasforma un ottimo Schiava in un vino dalla mineralità che supera ogni convenzione, semplicemente unico nel suo genere. Lo Schiava "Versal" è in sospeso tra familiarità e novità con un bouquet varietale di bacche rosse e mandorle e un gusto elegantemente sapido e avvolgente. La mineralità si sposa meravigliosamente con i formaggi di montagna fortemente stagionati!

 

L'elegante

L'equilibrato clima mediterraneo-alpino della zona di Merano, insieme ai terreni sabbiosi del fondovalle, forniscono le condizioni ideali per vini rossi densi ed espressivi come il Lagrein della cantina Popphof di Marlengo. Dopo alcuni mesi in botti di rovere e acacia, questo classico convince con profumi di bacche ed eleganti note di pepe e cioccolato. Al palato è potente, rotondo e di facile beva ma allo stesso tempo piacevolmente fresco grazie alle forti escursioni termiche tra il giorno e la notte. Questo Lagrein va servito con un succoso manzo arrosto o un croccante stinco di maiale brasato.

 

Il raffinato

I dintorni di Merano non producono solo eccellenti vini rossi, nei vigneti intorno alla città termale si creano anche vini bianchi dal fascino unico. Le varietà principali sono il Pinot Bianco e il Sauvignon Blanc. Passiamo dunque dal rosso al bianco e dalla valle alla montagna, raggiungendo l’amatissima destinazione turistica di Scena dove visitiamo la Tenuta Innerleiterhof che, oltre a essere un’azienda vinicola di gran classe, è anche un hotel altrettanto affascinante. Qui, a circa 500 m s.l.m., ci aspetta già il principesco Pinot Bianco "Erzherzog Johann". L'aroma e il gusto sono completamente incentrati sulla freschezza: mela, menta e agrumi al naso, acidità succosa e fine mineralità al palato. La star di ogni aperitivo e una favola con la trota alla griglia con vinaigrette al limone.

 

L'impressionante

Visto che siamo già nel cuore della magia aristocratica, dirigiamoci verso il castello, o più precisamente verso la Tenuta Castello Plars sopra Lagundo. Nel romantico castello trasformato in hotel, circondato da vigneti, degustiamo l'ultimo vino del nostro piccolo viaggio alla scoperta delle chicche enologiche di Merano e dintorni. È il Sauvignon "Marzan" a costituire il gran finale. Il complesso bouquet di pompelmo, uva spina, sambuco e salvia conduce a un palato altrettanto complesso. Potente, denso, imponente ed elegante allo stesso tempo, questo Sauvignon rimane a lungo nella memoria. Grandioso con un bel risotto agli asparagi o con un croccante filetto di salmone arrostito.

Sauvignon "Marzan" 2019
Sauvignon "Marzan" 2019 Castello di Plars
0.75 l
€ 14,25
1
Prodotti correlati
Sauvignon "Marzan" 2019
Sauvignon "Marzan" 2019 Castello di Plars
0.75 l
€ 14,25
1